•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 12 ottobre, 2015

articolo scritto da:

Euro2016: De Biasi e l’Albania nella storia

albanese

L’Albania di Gianni De Biasi, grazie alla vittoria di ieri per 3-0 sull’ Armenia ha ottenuto la sua prima e storica qualificazione per i campionati europei di Francia 2016.

Albania de Biasi

Una serata piena di lacrime di gioia per l’allenatore veneto che nel 2011 ha accettato l’incarico della federazione albanese di guidare la nazionale rossonera. “Tre anni e mezzo fa c’erano pochissimi giocatori e io ho detto loro che se avessero seguito le mie richieste e se avessimo creduto nelle nostre possibilità, avremmo ottenuto un successo importante. Qualcuno si mise a ridere, ma adesso ci viene dietro ed esulta con noi”. “Tutto questo è stato il frutto del lavoro, il mio, quello di Tramezzani, Bogdani e tutti gli altri che lavorano con me e hanno contribuito a far raggiungere all’Albania il suo sogno – ha proseguito – E’ la più grande soddisfazione della mia carriera. Abbiamo fatto felici tutti gli albanesi, quelli che vivono in patria e i tanti sparsi all’estero. Ci ha spinto un popolo intero. Grandissima felicità per aver raggiunto un sogno insperato”. Queste le dichiarazioni di De Biasi nel post-partita di ieri sera.

Sono stati sufficienti 45 minuti alla formazione albanese per chiudere la pratica armena e coronare il sogno di partecipare agli europei transalpini del 2016. L’autorete armena di Hoyhannisyan al nono minuto, e il gol di Xhimshiti al minuto 23 sono bastate per far volare le aquile albanesi nell’olimpo delle grandi nazionali europee. Inutile, ai fini della qualificazione, la terza rete di Sadiku al 76esino del secondo tempo.

Ora si aspettano i sorteggi per capire chi saranno le prossime avversarie della banda di De Biasi per la fase a gironi di Euro2016, ma sicuramente dopo aver sconfitto il Portogallo di Cristiano Ronaldo ed essersi classificati davanti a formazioni come la Serbia e la Danimarca, per la formazione albanese nessuna impresa sarà ritenuta impossibile.

Mirko Vetrugno

articolo scritto da: