Connect
To Top

Marchisio, salta il crociato. Stagione finita

E’ accaduto durante gli allenamenti della nazionale in vista della sfida contro la Bulgaria in programma domenica sera: Claudio Marchisio, il principino, si accascia a terra dolorante e lamenta dei dolori al ginocchio. Viene immediatamente portato nel centro medico di Coverciano, ma la diagnosi è presto fatta: lesione subtotale del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Una bastonata in faccia, forse, sarebbe stata più gradita dai fans del centrocampista.

Precedenti famosi: da Baggio a Galloppa passando per Rossi

Infortuni come questo accadono continuamente e colpiscono moltissimi giocatori, non ultimi ad esempio Insigne, pronto a rientrare in campo per Pasqua. La lesione del legamento crociato anteriore fu anche il primo infortunio grave di Roberto Baggio che ebbe in seguito tanti altri problemi fisici dovuti ai legamenti e alle ginocchia. Inutile ricordare che Giuseppe Rossi ha collezionato ben quattro infortuni in quattro anni legati alle ginocchia, fortunatamente l’attaccante italo – americano non ha mai mollato nonostante ci sia stato chi abbia rinunciato alla carriera sportiva dopo un solo grave infortunio. Fra gli altri calciatori famosi che hanno avuto seri problemi con i legamenti del ginocchio si possono citare anche Ronaldo, Galloppa, Owen, Redondo, Casiraghi e Thiago Alcantara.

6/8 mesi di stop

I tempi di recupero, secondo i medici, sono parecchio lunghi. Marchisio rischia di stare fermo fino a novembre del 2015 e questo non è un bene sia per la Nazionale, impegnata nella corsa alla qualificazione agli Europei di Francia del 2016, sia per la Juventus che, per la prima volta dopo anni, torna a giocarsi i quarti di Champions League contro un avversario di pari livello. I bianconeri, fra l’altro, dovranno fare a meno anche di Pogba per cinquanta giorni circa e c’è già chi saluta la speranza di vincere la Coppa dalle grandi orecchie.

marchisio_buffon_thumb400x275

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.