•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 22 febbraio, 2016

articolo scritto da:

Passione calcio. Per chi tifano i potenti del mondo?

renzi-calcio-

Il calcio – come è noto a tutti –  rappresenta lo sport più praticato e seguito al mondo. La passione per questo sport non lascia indifferente nemmeno i grandi del mondo. Di seguito andremo ad elencare per quali squadre tifano i maggiori leader mondiali.

1. Barack Obama, Presidente degli Stati Uniti d’America (West Ham United)

Il suo sport preferito resta il basket ma essendo un’amante dello sport, in generale, il presidente americano ha dichiarato di essere tifoso della squadra inglese del West Ham. Infatti, su internet, si possono trovare numerose vignette che rappresentano il presidente con la maglia degli Hammers.

2. Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa (Zenit St. Pietroburgo)

Il presidente russo, che non ha mai nascosto la sua passione per lo Zenit di San Pietroburgo, non sarà sicuramente contento della posizione in cui si trova la sua squadra del cuore, solo settima in campionato a ben 7 punti dalla testa della classifica occupata dai rivali del CSKA Mosca.

3. Matteo Renzi, Presidente del Consiglio Italiano (Fiorentina)

Il primo ministro italiano, da sempre tifoso viola, tutte le volte che può ama seguire la Fiorentina all’Artemio Franchi dando il suo supporto.

In Italia, forse più che in altri paesi, il calcio e la politica sono molto vicini. Basti pensare che l’ex Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è noto essere anche il proprietario di una squadra di calcio, l’AC Milan.

4. Alexis Tsipras, Primo ministro della Grecia (Panathinaikos)

Sicuramente la Grecia negli ultimi anni non ha vissuto uno dei suoi migliori momenti dal punto di vista economico e politico. Gran parte della popolazione ellenica ha visto nel leader di Syriza una speranza per uscire dal tunnel della crisi che sta colpendo la penisola greca.

Nonostante i suoi numerosi impegni politici, il capo di Syriza, cerca di ritagliarsi un pò di tempo per andare a seguire il Panathinaikos durante le gare casalinghe.

5. Angela Merkel, Cancelliera tedesca (Borussia Dortmund)

La potentissima cancelliera tedesca, molto importante per la crescita economica e politica della Germania non solo in Europa, ha una passione per il calcio, e in particolar modo per il Borussia Dortmund. Ma, nonostante la sua ammirazione per i gialloneri, durante la finale tutta tedesca tra i bavaresi del Bayern Monaco e Il Borussia Dortmund, la cancelliera si dichiarò una tifosa imparziale. Fidatevi non c’è da credergli!!!

6. David Cameron, Primo Ministro Britannico (Aston Villa )

Il primo ministro britannico ha dichiarato di essere un tifoso dell’Aston Villa fin da bambino perchè suo zio, quando lui aveva 13 anni, ne era il presidente.

7. Recep Tayyip Erdogan, Presidente della Turchia (Fenerbahce)

il presidente turco non fa nulla per nascondere la sua forte passione per la squadra di Istanbul. Appena può partecipare a cerimonie per la consegna di titoli o presentazioni di calciatori. Il campionato turco è molto competitivo e il più delle volte si decide durante le ultime giornate di campionato. Per adesso il suo Fenerbahce è primo in classifica ma le dirette inseguitrice sono pronte ad approfittare di un’eventuale passo falso.

8. Mauricio Macri, Presidente dell Argentina (Boca Juniors)

Il neo presidente argentino, che dopo 99 anni di alternanza tra partito peronista e partito di centro UCR, è riuscito a vincere democraticamente le elezioni, è un grande appassionato di calcio. Il suo tifo per il Boca Juniors di certo non può essere nascosto dato che in passato, prima di essere eletto presidente dell’Argentina, è stato proprietario della squadra di Buenos Aires.

9. Benjamin Netanyahu, Primo ministro Israeliano (Beitar Jerusalem)

Tra le squadre che militano nella prima divisione del campionato israeliano, quella che vanta tra i propri tifosi il primo ministro è il Beitar Jerusalem. Attualmente in terza posizione in campionato, il Beitar è già qualificato per i play-offs per la conquista del titolo nazionale.

articolo scritto da: