•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 10 ottobre, 2015

articolo scritto da:

Qualifiche GP di Russia: doppietta Mercedes. Vettel in seconda fila

Duo MercedesCon un copione che conosciamo bene, le due Mercedes conquistano la prima fila del GP di Sochi. Grazie a un tempo di 1’37”123, Nico Rosberg partirà dalla prima posizione nel Gran Premio di Russia che si correrà domani. Nessuna possibilità per l’ex campione di questa gara Lewis Hamilton, che partirà dalla seconda posizione con un tempo di 1’37’433. Seconda fila per Valtteri Bottas della Williams con 1’37”912, davanti a un veloce ma incerto Sebastian Vettel che ha girato con 1’37”965.

Vettel molto fiducioso e realista per la gara di domani

Il pilota Ferrari esprime molta fiducia sulle possibilità di fare bene nella gara di domani: “Pensavo che il gap con le Mercedes fosse più piccolo ma lo sarà domani, faremo una buona gara lottando con le Williams; sarà più difficile con le Mercedes ma ci proveremo”. Effettivamente la distanza di tempi ottenuti nelle qualifiche tra Ferrari e Mercedes rende realisticamente il duello con le Williams più abbordabile. Vettel ha poi dichiarato: “Credo sia possibile lottare con le Williams, sono molto fiducioso. Le Mercedes purtroppo sono avanti di circa un secondo”. Sebastian conclude dichiarando: “Siamo andati molto vicini alle Williams, era possibile batterle, ero partito molto bene in qualifica facendo molto bene nel Q1, poi andando avanti ho perso un po’ del feeling iniziale. Non è stato male ma quando perdi la terza posizione per mezzo centesimo non puoi essere contento al 100%”.

Terza fila invece, per l’altro pilota Ferrari Kimi Raikkonen seguito dalle due Force India del tedesco Hulkenberg e di Perez. Chiudono la “top ten” con l’ottavo piazzamento Grosjean, 9° Verstappen e 10° Ricciardo.

Anche in queste qualifiche le Mercedes hanno mostrato una superiorità difficile da contrastare ma il meteo variabile, con possibilità di pioggia, previsto per la gara di domani può aprire interessanti spiragli per Ferrari e Williams.

Davide Tramparulo

articolo scritto da: