•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 27 marzo, 2015

articolo scritto da:

Suso, da Jolly a uomo del mistero

Il suo nome per esteso è  Jesús Joaquín Fernández Sáez de la Torre, ma conviene chiamarlo Suso. Atterrato a Milano a gennaio, sponda rossonera, il jolly del reparto avanzato sembrava destinato a prendere in mano e per mano il Milan di Inzaghi che lamenta la mancanza di bollicine sulla trequarti. Ebbene Suso, da allora, non ha toccato il manto erboso della Serie A nemmeno per un minuto. Le uniche sue apparizioni sono state contro la Lazio in Coppa Italia gli ultimi 10 minuti e in amichevole contro la Reggiana dove è anche andato a segno. Chiaramente il giocatore ha molta voglia e attende con ansia il suo impiego, ma cos’è che frena Inzaghi?

La storia di Suso

Correva l’anno 2009 e Eduardo Macià, oggi fra i coordinatori giovanili della Fiorentina, era il capo osservatore al Liverpool e convinse la dirigenza e Benitez a fare cose inaudite pur di acquistare un 15 spagnolo che giocava nel Cadice e che tifava Real Madrid. Sia il tecnico spagnolo, oggi al Napoli, che i suoi successori sulla panchina dei Reds diedero spazio necessario alla crescita di Suso che, seppur in maniera discontinua, continuava a regalare grandi prestazioni. La scorsa stagione il salto di qualità: Suso viene girato in prestito all’Almeria e nel contratto vi è una clausola che obbliga il club spagnolo a pagare una penale nel caso in cui il giovane fosse sceso in campo meno di 26 volte. Suso mette a segno una stagione decisamente positiva ed è uno degli artefici della salvezza dell’Almeria.

Francisco: “Non capisco perché Inzaghi non lo faccia giocare”

Il suo allenatore ai tempi dell’Almeria, Francisco, è scandalizzato dal fatto che Suso non abbia ancora giocato un minuto in Serie A: “Sinceramente mi stupisce che Suso non giochi mai. Ovviamente parlo da osservatore esterno. Capisco che sia difficile scommettere forte su di lui, arrivato ora e appena 21enne, però per quella che è stata la mia esperienza posso dire che Suso è uno che non ha paura, che non si tira indietro di fronte alle responsabilità, che ha la sfacciataggine necessaria per pensare di potersi prendere la squadra sulle spalle. E poi c’è un’altra cosa: ho parlato col ragazzo appena dopo la firma col Milan e l’avevo sentito pieno di entusiasmo. Mi aveva detto che era convinto di essere arrivato nel posto giusto per far bene, per fare il definitivo salto di qualità. Ne era certo.”

Suso-750x288

articolo scritto da: